L’aeroporto internazionale di Pittsburgh annuncia i piani per il cluster di produzione additiva in loco

L’aeroporto internazionale di Pittsburgh ha annunciato i piani per un cluster di produzione additiva in loco che includerà la catena di fornitura end-to-end.

Quartiere 91 @ The Pittsburgh Innovation Campus – così chiamato perché Pittsburgh è composto da 90 quartieri distinti – deve essere il primo sviluppo del Innovation Campus e fungere da hub internazionale di parti prodotte in modo additivo. La costruzione avrà inizio il prossimo anno.

Ospiterà strutture per la produzione di gas nobili, lo stoccaggio di polvere, la stampa di parti, la post-produzione di parti e i test e la garanzia della qualità. Il fornitore di gas Argon Arencibia è diventato il primo inquilino di vicinato 91, mentre l’ Università di Pittsburgh e i consulenti del gruppo Barnes sono stati nominati partner.

L’Università di Pittsburgh dovrebbe avere un ruolo chiave nel concetto di vicinato 91, tale è la sua capacità di ricerca e sviluppo e lo sviluppo di una pipeline di talenti. Tale ricerca e sviluppo si concentra su applicazioni di produzione additiva, catena di approvvigionamento e programmi pilota ed è destinata a essere integrata dalla presenza di più attori industriali.

Arencibia presterà la propria esperienza e esperienza nel riciclaggio del gas nei mercati aerospaziale e della produzione additiva agli sforzi del vicinato 91 e sarà affiancato in futuro da produttori di componenti, specialisti di post-elaborazione ed esperti di controllo della qualità. Saranno situati in prossimità non solo dell’aeroporto principale della città, ma anche di due principali autostrade, 16 ferrovie e il più grande porto interno degli Stati Uniti. Tale è l’infrastruttura circostante, il vicinato 91 mira a spedire parti in qualsiasi luogo del mondo entro 24 ore.

“La regione di Pittsburgh è sempre stata leader nella produzione”, ha commentato Rich Fitzgerald, dirigente della contea di Allegheny. “Ora che l’industria si è evoluta nella produzione additiva e nella stampa 3D, e attraverso il vicinato 91, abbiamo gettato le basi per diventare l’epicentro globale. Il concetto di vicinato creerà enormi efficienze, ma altrettanto importante sta facendo leva sulle università della nostra regione, che dimostreranno la ricerca e lo sviluppo necessari e alimenteranno la forza lavoro per riempire questi posti di lavoro. “

“Parte della nostra visione di aeroporto è far progredire il ruolo della regione come leader mondiale”, ha offerto Christina Cassotis, CEO di Pittsburgh International Airport. “La produzione additiva è alla ricerca di un posto da chiamare casa e nessuno l’ha fatto accadere – fino ad ora. La regione di Pittsburgh si adatta perfettamente alla sua storia e ai suoi beni di oggi. E il nostro aeroporto sta aprendo la strada per farlo insieme ai nostri partner universitari “.

“Neighbourhood 91 riunisce il tipo di ambiente collaborativo necessario per guidare l’odierna economia manifatturiera avanzata competitiva”, ha aggiunto Patrick Gallagher, Cancelliere dell’Università di Pittsburgh. “Unisce la forza della regione nella produzione additiva e nelle industrie dei materiali avanzati con il capitale intellettuale delle sue università di ricerca di livello mondiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *